L’alternativa al condizionatore
e le altre soluzioni per
rinfrescare casa

Quando il caldo torrido rende qualsiasi attività faticosa è possibile seguire una serie di trucchi per rinfrescare casa senza condizionatore. Eni gas e luce offre una breve guida di rimedi per rinfrescare casa e combattere il caldo.

Come rinfrescare casa naturalmente senza il condizionatore?

In estate, appena si comincia a patire il caldo, si tende subito a cercare il refrigerio fornito dai condizionatori d'aria. Tuttavia, è possibile soggiornare al fresco, durante i torridi mesi estivi, anche senza ricorrere ai dispositivi di raffreddamento, che consumano molta energia elettrica, creano picchi di carico nelle ore più roventi del giorno e, se usati in maniera indiscriminata, si vanno ad aggiungere alla lista dei consumi che nel tempo hanno un impatto anche sull’ambiente.

In un momento storico come questo, in cui l’emergenza climatica si impone come uno dei problemi più urgenti, rinfrescare casa senza aria condizionata diventa la soluzione non solo più economica ma anche più utile per salvaguardare la salute del nostro pianeta. Inoltre, seguendo alcuni semplici consigli sarà possibile rinfrescare casa gratis, o quasi!

Come rinfrescare la casa senza aria condizionata

1. Utilizzare tapparelle, persiane e tende per deviare i raggi solari. Uno dei modi migliori per mantenere freschi gli ambienti domestici in una giornata calda è, in primo luogo, impedire che il calore dei raggi del sole entri. Utilizzando tapparelle e scuri e orientando correttamente le tende esterne ed interne, si può limitare la quantità di caldo che entra in casa.

2. Tenere le finestre aperte durante le ore notturne. Se le notti sono fresche e ventilate, è consigliato aprire le finestre e chiuderle presto la mattina. In questo modo si potrà catturare l’aria notturna che rinfrescherà per molte ore. Per ottenere un risultato ottimale, è utile lasciare anche tutte le porte interne aperte (compresi armadi e armadietti da cucina, che tendono a immagazzinare il caldo diurno a lungo).

3. Sfruttare le correnti. Come creare corrente d’aria in casa? Se si abita in una casa esposta su più lati, è sufficiente aprire tutte le finestre (mettendo dei ferma porte nel caso queste inizino a sbattere) e la corrente si creerà da sola. In questo modo sarà possibile rinfrescare la stanza anche senza condizionatore e sfruttando quella che potremmo chiamare “aria condizionata naturale”. Se invece si abita in una casa con un affaccio solo, è comunque possibile creare correnti utilizzando i ventilatori in maniera smart. In questo caso, non esiste una soluzione unica, e l’ingegno di ognuno nel posizionare il ventilatore sarà determinante per creare una corrente d’aria fresca continua, ma meno violenta rispetto a quella del ventilatore puntato addosso.

4. Raffreddare le estremità delle tende. Immergere la parte finale delle tende in secchi o bacinelle di acqua e lasciare le finestre aperte. La brezza notturna, passando attraverso il tessuto bagnato, raffredderà la stanza. Anche questa, provare per credere, è una valida alternativa all’aria condizionata.

5. Ombreggiare balconi e terrazzi. Collocate un ombrellone sul terrazzo, di fronte alla portafinestra più esposta al sole e utilizzate piante e rampicanti per creare zone d’ombra e fresco.

6. Se il caldo non è eccessivo, utilizzare i ventilatori, da tenere accesi solo quando si soggiorna in un ambiente. I ventilatori impiegano meno energia rispetto ai condizionatori e possono essere indicati per combattere un caldo moderato in piccoli ambienti. A differenza del condizionatore d’aria, però, il ventilatore non raffredda i locali, bensì rinfresca le persone con il cosiddetto effetto di raffreddamento del vento. Grazie ad esso, quando una brezza passa sopra la nostra pelle e porta con sé l'umidità mentre evapora, percepiamo un piacevole fresco. Pertanto, ha senso utilizzare i ventilatori in presenza di persone e non lasciarli vorticare quando nella stanza non c’è nessuno.

Qualora si avesse necessità di rinfrescare un piccolo ambiente e non si avesse a disposizione un condizionatore, è possibile improvvisare un’aria condizionata fai da te con ventilatore e acqua. Per costruire un “condizionatore” basta utilizzare un ventilatore e puntarlo su bacinelle piene di acqua fredda e cubetti di ghiaccio. L'aria più fresca proveniente dalle tinozze rinfrescherà il locale. Il risultato non è paragonabile a quello che si otterrebbe con un condizionatore, ma l’effetto è refrigerante. Un’alternativa è provare a puntare i ventilatori davanti alle finestre in modo da spingere l'aria calda fuori, e regolare le impostazioni del ventilatore da soffitto in modo da far rotare le pale in senso antiorario, sollevando verso l’alto l’aria calda.

7. Sostituire le lampadine a incandescenza con quelle a fluorescenza o a LED. Queste due tipologie, infatti, oltre ad utilizzare meno energia, generano un calore decisamente inferiore rispetto a quelle tradizionali. Non sembrerebbe, ma questo è uno dei modi più semplici per diminuire la temperatura in casa. Inoltre, ricordarsi di spegnere le luci quando si lascia una stanza. Non solo così si risparmia energia, ma si mantiene anche il locale più fresco.

8. Utilizzare il meno possibile elettrodomestici e dispositivi elettronici che scaldano. Evitare di cuocere al forno e di preparare cibi che prevedono una lunga cottura ai fornelli. Spegnere spesso i televisori e i computer. Sembra impossibile, ma è dimostrato che la somma del calore di tutti questi dispositivi possa aumentare la temperatura fino a 2 – 3 gradi.

9. Coibentare l’abitazione non serve solo per proteggere la casa durante i mesi invernali. Infatti, per quanto possa suonare strano, il “cappotto termico” non ripara solo dal freddo, ma è anche utile per isolare la casa dal sole ed evitare che l’abitazione diventi una sorta di forno. Tra gli interventi indicati, la realizzazione di un cappotto termico è sicuramente quello più impegnativo dal punto di vista economico, ma è anche uno dei sistemi più efficaci per diminuire i consumi del riscaldamento in inverno, e del climatizzatore in estate. Insomma, un investimento che nel tempo si ripaga da solo.

Suggerimenti per sentire meno caldo e rinfrescarsi

1. Evitare le ore più calde. Non uscire tra le 10:00 e le 15:00, quando i raggi del sole sono più intensi.

2. Bere spesso acqua. Sembra banale, ma si sente meno caldo quando si è ben idratati. Aromatizzare l’acqua con fettine di frutta e foglie di menta è un modo piacevole per ricordarsi di bere spesso e per percepire un maggior effetto rinfrescante.

3. Evitare caffè e bibite alla cola. Le bevande contenenti caffeina aumentano il calore metabolico del corpo e provocano disidratazione.

4. Utilizzare erbe note per le loro qualità raffreddanti. Preparare infusi caldi o freddi con menta, camomilla, foglie di tarassaco, ibisco e foglie di lampone.

5. Rinfrescare il corpo in maniera strategica. Tenere all’ombra la zona della nuca e del collo o umidificarla con un fazzoletto bagnato. Il sensore per il nostro sistema di controllo della temperatura corporea è situato proprio nella parte posteriore del collo. Raffreddando questa superficie, si può indurre tutto il corpo a sentirsi più fresco. Inoltre, è utile bagnare i polsi con acqua fredda per 10 secondi: questo semplice gesto rinfrescherà per circa un'ora.

6. Utilizzare creme alla menta o al mentolo. Spalmare sugli arti inferiori o su tutto il corpo creme con questi ingredienti che creano sulla pelle una sensazione di fresco intenso e duraturo.

7. Indossare abiti adeguati. Scegliere tessuti in fibre naturali piuttosto che poliestere, rayon o altre fibre artificiali (uniche eccezioni i tessuti tecnici da prestazione sportiva). Preferire colori chiari. I colori scuri assorbono il calore del sole più dei capi bianchi o chiari, che invece riflettono la luce.

8. Modificare e adeguare la dieta. Consumare piccoli pasti e mangiare più spesso. Più abbondante è il pasto, più il corpo crea calore metabolico nel processo digestivo. Evitare cibi ad alto contenuto di proteine, che aumentano il calore metabolico. Prediligere cibi leggeri e rinfrescanti può essere molto d’aiuto per percepire meno il disagio delle alte temperature. Prediligere cibi crudi, zuppe fredde, insalate e frutta fresca. Mangiare occasionalmente cibo piccante. Condimenti come il curry e i peperoncini possono stimolare i recettori di calore posti nella bocca, migliorare la circolazione e provocare sudorazione, che raffredda il corpo.

9. Se il calore impedisce di riposare di notte, utilizzare federe e lenzuola di seta, raso o cotone. Questi tessuti lasciano dissipare meglio il calore corporeo. Se il caldo è molto umido, collocare sul materasso e sul cuscino delle leggere stuoie in bambù, tipo quelle che si portano in spiaggia. Si può provare inoltre a mettere un cuscino nel congelatore un'ora o due prima di andare a letto, ben avvolto in sacchetti di plastica per impedire che sul tessuto si formi del ghiaccio. Utile anche utilizzare la borsa dell’acqua calda riempita di acqua posta nel congelatore per un po’ di tempo.

10. Infine, un rimedio curioso ma potenzialmente molto efficace e divertente. Leggere libri e guardare film “rinfrescanti”, ovvero farsi intrattenere da narrazioni ambientate in luoghi freddi, come scalate alle vette più alte del mondo o spedizioni al Polo Nord. Se la mente si focalizza su un’ambientazione fredda, l’immedesimazione potrebbe suggestionarci fino a suggerire la percezione di una temperatura più fresca.

Quindi, per rinfrescare la casa in modo naturale è sufficiente seguire alcuni di questi consigli e precauzioni. In questa maniera, è possibile evitare l’accumulo di calore in casa, risparmiare energia, spendere meno e contribuire a creare anche un impatto positivo sull’ambiente.