L'ENERGIA PER TUTTI

Ecobonus e ristrutturazioni edilizie: tutti gli incentivi per il 2017

Eseguire interventi di efficienza energetica, ristrutturare l’edificio, acquistare elettrodomestici di ultima generazione, installare sistemi tecnologici di domotica: tutte attività che richiedono pesanti investimenti economici. Nel corso del 2016 il Governo ha messo a disposizione una serie di detrazioni fiscali per aiutare i cittadini e le famiglie a ottimizzare i consumi della propria abitazione cercando di limitare le spese. A fronte dei risultati prodotti, le detrazioni sono stati rinnovate anche per il prossimo anno: in particolare, l’Ecobonus è stato stabilizzato per il quinquennio 2017-2021 mentre gli incentivi legati alle ristrutturazioni edilizie sono state confermate per il 2017.

Le cose da sapere sull'ecobonus

L'Ecobonus permette di ricevere delle agevolazioni fiscali volte al miglioramento dell’efficienza energetica di case, negozi e uffici: il 65% del costo dei lavori completati entro potrà essere detratto dall’Irpef o dall'Ires in dieci rate annuali. Sono incluse nelle spese deducibili tutti gli interventi che sostengano il risparmio energetico: installazione di caldaie, climatizzatori a pompa di calore e apparecchi di domotica come i termostati intelligenti, sostituzione di porte, finestre coperture e pavimenti e l’implementazione di impianti fotovoltaici. Per il prossimo quinquennio, l’Ecobonus introduce una importante novità: per i condomini le spese possono essere detratte fino al 75%. A beneficiare degli incentivi possono essere: le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni; i contribuenti che conseguono reddito d’impresa; le associazioni tra professionisti; gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale purché siano soggetti al pagamento dell'Ires; i titolari di un diritto reale sull’immobile; i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali; gli inquilini; i familiari del possessore; e infine anche gli Istituti autonomi per le case popolari. Per accedere alla detrazione è obbligatorio pagare con bonifico bancario o postale, dichiarando la causale del pagamento, il codice fiscale di chi si avvantaggia della detrazione, nonché il codice fiscale o la partita Iva del beneficiario della transazione.


Gli incentivi sulle ristrutturazioni

Una delle strade per ottenere gli incentivi è quella legata alle manutenzioni ordinarie: in particolare, gli interventi di sostituzione delle pavimentazioni e di verniciatura delle pareti – sia interne che esterne – eseguite nelle parti di proprietà comune dei condomini. La parte più consistente delle opere detraibili è invece quella che appartiene alle ristrutturazione e manutenzioni straordinarie realizzate sulle singole unità immobiliari: tanto per fare qualche esempio, stiamo parlando di interventi come l’ammodernamento dei servizi igienici, la sostituzione degli infissi, la messa a norma dell’impianto elettrico, l’abbattimento delle barriere architettoniche, lo smantellamento e la ricostruzione di mura interne , l’implementazione di impianti fotovoltaici e la ristrutturazione in seguito a un evento calamitoso. Fino al 31 dicembre sarà possibile detrarre il 50% delle spese di ristrutturazione fino a un massimo di 96 mila euro.  All’interno di un’opera di ristrutturazione edilizia è possibile inoltre detrarre anche il 50% della spese legate a elettrodomestici – come lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi, congelatori – e mobili, per i quali è previsto un limite massimo di 10 mila euro. Per ottenere degli incentivi è obbligatorio pagare con un bonifico bancario o postale, mettere in evidenza la causale del pagamento, la partita IVA del beneficiario del versamento e il codice fiscale dei contribuenti che intendono usufruire gli incentivi. È inoltre necessario indicare i dati catastali della proprietà immobiliare ristrutturata.

Infine, va sottolineata anche l’attuazione del Sisma Bonus: per il quinquennio 2017/2021 ci sarà la possibilità di detrarre dall’Irpef fino al 85% delle spese sostenute per l’adeguamento sismico della attività produttive e delle prime e seconde case.

 

Ti potrebbe interessare anche:

ENERGY MAGAZINE

potrebbe interessarti anche:

 

migliora i tuoi consumi, calcola il tuo profilo energetico

Effettua il test per valutare il livello di efficienza energetica della tua casa, sapere quanto consumi e ricevere consigli personalizzati su come migliorarli.

 

usare bene l’energia è una buona abitudine

Scopri in quanti modi puoi ridurre gli sprechi di energia e ottimizzare i consumi energetici della tua casa.

 

L'ENERGIA PER TUTTI

Ecobonus e ristrutturazioni edilizie: tutti gli incentivi per il 2017