L'ENERGIA PER TUTTI

Caldaie a camera aperta

La legge sulle caldaie a camera aperta

A seguito del recepimento della direttiva europea EcoDesign da parte del Parlamento italiano, non è più possibile installare nuove caldaie a camera aperta. La proibizione comprende anche i casi di sostituzione di una vecchia caldaia con una nuova. La direttiva europea ha imposto la fine della produzione delle caldaie a camera aperta in favore delle più sostenibili caldaie a condensazione. Le caldaie a camera aperta ancora sul mercato possono essere vendute solo fino a esaurimento scorte e solo se siano da installare su impianti termici condominiali dotati di Canna Collettiva Ramificata (CCR). Sono ammesse altre eccezioni solo nei casi in cui venga certificata l’impossibilità di installare nell’edificio una caldaia a condensazione.

 

Perché «a camera aperta»?

La denominazione di caldaia a camera aperta deriva dalla modalità di prelievo dell’aria per alimentare la combustione. L’aria esterna entra nell’ambiente di installazione della caldaia attraverso apposite aperture praticate sulle pareti esterne e di qui si dirige verso la camera di combustione. Il flusso di ossigeno verso la fiamma, avviene quindi attraverso un tiraggio detto «naturale». Nelle caldaie a condensazione , invece, l’aria arriva alla camera di combustione direttamente dall’esterno, senza transitare nell’ambiente di installazione della caldaia, prelevata da un ventilatore a controllo elettronico, montato nell’apparecchio.

Il tiraggio naturale impone alla caldaia a camera aperta l’allacciamento ad un adeguato scarico dei fumi all’esterno in modo da impedire ai fumi di tornare in circolazione nell’ambiente in cui essa è installata. Questa configurazione presuppone che l’area in cui si trova l’apparecchio goda di una ventilazione adeguata al corretto funzionamento del sistema di scarico. Se interviene qualche problema in questo meccanismo, il monossido di carbonio contenuto nei fumi potrebbe riversarsi nell’ambiente di installazione, con conseguenze pericolose per la salute degli utilizzatori della caldaia.

 

Caldaie
               a camera aperta – caratteristiche e funzionamento

 

La temperatura della caldaia a camera aperta

Nelle caldaie a camera aperta, l’energia termica prodotta dalla combustione non viene mai completamente utilizzata a causa della notevole dispersione di calore latente riconducibile al rilascio di acqua allo stato di vapore attraverso il sistema fumario. Questo comporta un incremento della temperatura dei fumi nel camino che può raggiungere valori pari a 130-140° C (il doppio di quanto accade con una caldaia a condensazione).

 

La sostituzione della caldaia a camera aperta

La normativa europea ha interrotto la produzione e l’installazione delle caldaie a camera aperta. Per questo, dal 2015, chi intende sostituire la propria caldaia è obbligato a installare una caldaia a condensazione. La sostituzione della caldaia è un’operazione semplice, ma che dev’essere ad ogni modo effettuata da tecnici specializzati affinché tutto avvenga in sicurezza. Data la sua ecosostenibilità rispetto a una caldaia tradizionale, l’acquisto di una caldaia a condensazione è promosso da incentivi statali che permettono un recupero sull’investimento fino al 65% sul totale della spesa. Inoltre, i vantaggi per chi installa una caldaia a condensazione riguardano anche i costi in bolletta. Con una caldaia a condensazione è stimato un aumento dell’efficienza energetica fino al 30%, e un analogo risparmio sui costi in bolletta.

 

La caldaia secondo Eni gas e luce

Quindi? Vale la pena passare prima possibile ad una caldaia a condensazione. La scelta dell’apparecchio giusto e la sua manutenzione però richiedono, una certa fatica e, soprattutto, competenza. Ma ci si può semplificare la vita se ci si affida a Eni gas e luce. Con l’offerta CALDAIANOSTRESS tutta l’incombenza viene delegata a tecnici specializzati di provata esperienza. Sono loro a:

• compiere tutte le ricognizioni necessarie per scegliere la caldaia più adatta alla tua casa e ai tuoi consumi;
• installare la caldaia secondo i requisiti di legge e le migliori pratiche di settore;
• ritirare e smaltire l’usato;
• ottemperare a tutti gli obblighi di legge, e mettere in atto le azioni necessarie per ottenere gli sgravi fiscali;
• eseguire la manutenzione ordinaria della caldaia a partire dal secondo anno di esercizio.

Eni gas e luce assicura caldaie di massima qualità: sono le caldaie ad altissima efficienza Riello. La soluzione migliore è rappresentata dal ricorso ai nostri consulenti. Inoltre, Eni gas e luce offre un programma di finanziamento per l’acquisto che presenta molti vantaggi. Si comincia a pagare dalla primavera del 2019; le rate sono solo di 30 euro al mese, per la durata di 5 anni. Nel prezzo è inclusa non solo la caldaia, ma anche la sua installazione e la manutenzione ordinaria.

 

Guarda anche:

ENERGY MAGAZINE

potrebbe interessarti anche:

 

migliora i tuoi consumi, calcola il tuo profilo energetico

Effettua il test per valutare il livello di efficienza energetica della tua casa, sapere quanto consumi e ricevere consigli personalizzati su come migliorarli.

 

usare bene l’energia è una buona abitudine

Scopri in quanti modi puoi ridurre gli sprechi di energia e ottimizzare i consumi energetici della tua casa.

 

L'ENERGIA PER TUTTI

Caldaie a camera aperta